Plusvalenze Inter, Tuttosport: la Procura Figc ha aperto una indagine

Le indagini della Procura Figc sugli introiti derivanti dalle plusvalenze all'Inter potrebbero portare a nuove accuse nei confronti dell'ex presidente nerazzurro Erick Thohir. Stando a quanto riporta Tuttosport, la Procura avrebbe aperto un fascicolo per riciclaggio coinvolgendo anche il magnate indonesiano.?
La Procura della Federcalcio italiana ha aperto un'altra indagine sulla questione delle plusvalenze, connessa all'indagine della Procura di Milano sulle plusvalenze dell'Inter. L'edizione odierna scrive di fornire maggiori dettagli sui nerazzurri. "Nelle prossime due settimane Juventus e altri club presenteranno le loro memorie difensive e poi si deciderà su eventuali candidati". Tuttavia, si ritiene che il processo si svolgerà entro la fine della stagione. Inoltre, la Procura ha aperto un altro filone d'indagine relativo all'indagine sulle plusvalenze dell'Inter da parte della Procura di Milano".

Il procuratore federale della Figc ha aperto un'indagine per accertare se ci sono state plusvalenze illecite da parte dell'Inter. La società nerazzurra sarebbe stata infatti accusata di aver venduto giocatori a prezzi superiori a quelli di mercato, in particolare Mauro Icardi e Ivan Perisic.

A quanto pare la Procura Federale ha aperto un'indagine per le plusvalenze dell'Inter negli ultimi anni. Il tutto nasce da alcune dichiarazioni di Marotta, che aveva parlato di un accordo con Beppe Marotta per operare in modo trasparente. Queste parole hanno fatto scattare l'indagine, che dovrà chiarire se c'è stata effettivamente una collusione tra le due società.

Nel Napoli c'è sicuramente qualche dirigente che farebbe meglio a non dormire sonni tranquilli. La Procura della Figc, infatti, avrebbe aperto un'indagine relativa alle plusvalenze realizzate dal club partenopeo negli ultimi anni. Un accertamento che potrebbe portare a sanzioni molto salate.

Tra le operazioni al centro dell'attenzione degli inquirenti figura sicuramente quella di Gonzalo Higuain, il cui cartellino fu ceduto alla Juventus per 90 milioni di euro. Una plusvalenza da record che avrebbe fruttato al Napoli ben 27 milioni di euro.

Se da un lato è difficile contestare la legittimità di queste operazioni, dall'altro è altrettanto vero che potrebbero esserci degli indizi di irregolarità. In particolare, la Procura starebbe analizzando se il club partenopeo abbia versato gli introiti derivanti dalle cessioni in violazione delle norme fiscali e contributive.

È probabile che a essere oggetto di indagine saranno anche le operazioni concluse negli ultimi anni, tra cui quella relativa a Jorginho, ceduto all Chelsea per 50 milioni di euro. Il brasiliano, infatti, ha raggiunto la maggiore età solo dopo l'operazione e dunque non avrebbe mai potuto essere tesserato dal Napoli se non fosse stato venduto.

Aggiornato il 27 Febbraio 2022 da amministratore