Calciomercato, parla contro la guerra: la società gli rescinde il contratto

Zenit San Pietroburgo, ufficiale: il contratto di Rakitskiy è stato rescisso

L'esterno difensivo russo Artem Rakitskiy non sarà più un calciatore del club campione di Russia in carica Zenit San Pietroburgo. Come riporta l'agenzia TASS, l'ufficialità della rescissione del contratto è arrivata questa mattina. Rakitskiy, classe '94, è dunque svincolato e potrà firmare con qualsiasi squadra.?
Una clamorosa indiscrezione di mercato è arrivata dalla Russia: la società ha deciso di rescindere il contratto dopo aver rifiutato di entrare in guerra. La storia specifica raccontata dai media locali è avvenuta esattamente al Campionato di Suzhou, ed era legata a una squadra che sicuramente non era in seconda divisione. Infatti, a giudicare da recenti indiscrezioni, lo Zenit San Pietroburgo ha deciso di rescindere il contratto con l'ucraino. Il difensore Yaroslav Rakitskyi dopo aver rifiutato la guerra. È una notizia da confermare, ma se è vero, farà sicuramente scalpore. Dopo che Rakitsky ha rifiutato la guerra, Zenit avrebbe risolto il suo contratto prima della scadenza. La durata dell'accordo è fino a fine stagione, ma la posizione del difensore ucraino potrebbe portare alla risoluzione dell'accordo previsto dalla società. Come accennato, non c'è ancora una conferma ufficiale da parte del club, ma la notizia è già clamorosa, e la conferma potrebbe suscitare qualche polemica a livello internazionale visto che si tratta di una storia molto particolare. Zenit. Certo, dovremo aspettare il prossimo mercato, ma è una buona occasione perché parliamo di un giocatore assolutamente esperto. Se l'occasione si concretizzerà, lo scopriremo nelle prossime settimane, soprattutto considerando che è un giocatore in scadenza a giugno ed è improbabile che rinnovi il contratto dopo la sua chiara presa di posizione contro la guerra. Insomma, una storia destinata ad avere novità tra pochi giorni.

Il calciomercato TV riporta che il contratto di Rakitskyi con il Zenit è stato rescisso.

Il calciomercato dello Zenit potrebbe subire un nuovo colpo dopo l'addio annunciato da Domenico Criscito. Secondo quanto riportato dalla stampa russa, il contratto del difensore ucraino Andrij Rakitskyi sarebbe stato rescisso unilateralmente.

Rakitskyi, classe '96, arriva in Russia nella stagione 2016/2017 dal Shakhtar Donetsk ed è protagonista di 57 presenze e 2 gol tra campionato e Coppa Russia. Il suo contratto scade il 30 giugno 2020.

Il calciomercato TV riporta che Rakitskyi avrebbe rescisso il suo contratto con il Zenit.

Personalmente non credo molto a questa notizia, nonostante abbia rescisso il contratto con il club russo, Rakitskyi resterà in Russia essendo l'unico club disposto ad accettarlo in questo momento.

Aggiornato il 25 Febbraio 2022 da amministratore