Caso plusvalenze, chiuse le indagini: la risposta della Juventus

Le plusvalenze della Juventus sono al centro di un'indagine della procura federale: i vertici bianconeri, tra cui Andrea Agnelli e Pavel Nedved, sono infatti accusati di evasione fiscale.?
Juventus Capital Gains - Si è ufficialmente conclusa l'inchiesta sulla plusvalenza avviata dalla Procura federale della Federcalcio italiana nei mesi scorsi. Undici club indagati, tra cui: Juventus, Napoli, Samp, Genoa, Empoli, Pisa, Parma, Pescara e Pro Vercelli. Coinvolte anche Novara e Chievo, che da tempo sono dalla parte dei perdenti. Il presunto reato riguardava "la valutazione dell'impatto di alcuni trasferimenti di diritti pluriennali alle prestazioni di calciatori sul bilancio e sul riconoscimento delle plusvalenze". Le operazioni sono state effettuate nel corso delle sessioni di mercato relative alle stagioni 2018/19, 2019/20 e 2020/21. Ora entriamo nel vivo della questione, le società hanno 15 giorni di tempo per accedere ai documenti e dettagliare le rispettive linee di difesa. I pubblici ministeri esamineranno quindi i singoli casi, effettuando rinvii di volta in volta (che comporteranno multe o sanzioni in classifica) o archiviando. Situazione e spiegare come continuare la storia rivendicando la fiducia per poter provare che non si ha nulla a che fare con i fatti. La Juventus comunica di essere stata informata dalla Procura Federale di completare le indagini su segnalazione della Co.Vi. So.C., per presunte violazioni dell'articolo 31, comma 1, e degli articoli 6 e 4 della legge sulla giustizia sportiva. Potrà ora accedere al documento e articolare la propria difesa entro i termini previsti dal codice, con la certezza di poter giustificare le proprie azioni". Come tutti sappiamo, il presidente Andrea Agnelli, il vicepresidente Pavel Nedved e l'ex direttore sportivo Fabio Paratici (che ha trascorso l'estate al Tottenham). Aspettatevi sviluppi sulla questione nelle prossime settimane: ora tutta l'attenzione è sulla partita di Champions League di oggi con il Villarreal.

La Juventus potrebbe essere indagata per le plusvalenze realizzate durante gli ultimi anni. La Procura Federale sta indagando sulla possibilità che la società abbia creato delle plusvalenze artificiali, grazie a operazioni di mercato condotte in maniera poco trasparente. La Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) ha aperto un fascicolo per verificare se ci sono state irregolarità da parte della Juventus, e se il presidente Andrea Agnelli e il vicepresidente Pavel Nedved hanno avuto qualche ruolo nell'operazione.

Il procuratore federale della FIGC, Stefano Palazzi, ha aperto un’indagine su alcune plusvalenze della Juventus negli ultimi anni. Tra queste quella derivante dalla cessione di Paul Pogba al Manchester United nel 2016 per 105 milioni di euro. L’attuale presidente della Vecchia Signora, Andrea Agnelli, e il vicepresidente Pavel Nedved sono indagati per violazione dell’articolo 10 del Codice di Giustizia Sportiva, che punisce «l’omessa denuncia o la denuncia incompleta» di operazioni finanziarie.

Secondo me questo articolo non è chiaro. Non riesco a capire se la Juventus avrebbe guadagnato delle plusvalenze grazie alle operazioni condotte dai suoi dirigenti oppure no.

Aggiornato il 22 Febbraio 2022 da amministratore