Milan, due nomi per il dopo Kessié: un portoghese e un italiano

Mancano tre giorni al derby di Milano che se non deciderà le sorti dello Scudetto, stabilirà una volta per tutte se l'Inter potrà provare la grande fuga o se il Milan ha ancora la forza di inseguire i cugini, attualmente a +4 con una partita giocata in meno. Sabato alle 18, per evitare di giocare in concomitanza con la finale di Sanremo, in uno stadio Meazza pieno al 50% andrà in scena il derby di ritorno. All'andata fu 1-1: al rigore di Calhanoglu rispose un'autorete di De Vrij. Due mesi e qualche settimana dopo, l'Inter vuole continuare la sua striscia positiva che in campionato dura da mesi, mentre il Milan cerca il riscatto dopo la clamorosa sconfitta contro lo Spezia e il bruttissimo (in termini di spettacolo) pareggio contro la Juventus.

Situazione infortuni: Tomori lavora a parte e prova a bruciare i tempi, Zlatan Ibrahimovic sente ancora fastidio al tendine d'Achille ed è sempre più a rischio (Giroud è pronto). A questi problemini se n'è aggiunto un altro, presto risolto ma comunque imprevisto: il tecnico rossonero ha 'riavuto' Franck Kessie in ritardo: ci è voluta qualche ora in più del previsto per un problema logistico con un volo dalla Costa d'Avorio. Kessié è regolarmente agli ordini del suo allenatore e sarà quasi sicuramente titolare per un derby più che mai cruciale per la stagione della sua squadra.

Pioli, nonostante l'ivoriano questa stagione abbia spesso offerto prestazioni opache, non intende privarsene e sta valutando la possibilità di rimetterlo in campo come trequartista al posto di Brahim Diaz. Contro l'Empoli Kessié stato il migliore in campo: proprio da trequartista ha segnato due gol ed ha fatto giocare bene i suoi compagni. Poi la partenza per la Coppa d'Africa. Ieri il tanto atteso ritorno. Ora resta da capire quale veste tattica Pioli intenda cucirgli addosso: se il tecnico decidesse di schierarlo come centrocampista, Kessie lavorerà con Tonali, allora dovrà inevitabilmente dare anche una mano in difesa e non solo in attacco.

Tuttavia molti tifosi (i suoi estimatori, che sono la maggioranza) sono preoccupati: per il capitano della Nazionale di calcio della Costa d'Avorio questo potrebbe essere l'ultimo derby con la maglia del Milan. Franck non è riuscito a trovare una soluzione con la società, neanche con l'intermediazione del suo agente. Il rischio più grande è che l'ivoriano, indubbiamente uno dei centrocampisti più forti della Serie A, vada via a parametro zero. Nel passato recentissimo è già successo con due pezzi pregiati ex milanisti: Donnarumma, così come Calhanoglu che ora sembra innamorato dell'Inter. Secondo Tuttosport, i rossoneri avrebbero anche un (doppio) piano per sostituirlo: a giugno ci sarà l'attacco a Renato Sanches del Lille, con il quale il corteggiamento è iniziato da lungo tempo; sul tavolo c'è anche il ritorno di Tommaso Pobega, attualmente in prestito al Torino. Senza dimenticare che finalmente Adli diventerà rossonero dopo una stagione in prestito al Bordeaux. Ultimo derby per Kessié? Allo stato attuale delle cose, pare proprio che sia così.

LEGGI ANCHE: Inter, è tempo di rinnovi: cosa succederà con Perisic e Handanovic

Aggiornato il 2 Febbraio 2022 da Edoardo Ciotola