5 cose inutili della Coppa Italia

1) La formula del torneo, con squadre di Serie A che si scontrano solo nei quarti e nelle semifinali, rende noiosa la competizione. 2) La vittoria della Coppa Italia non garantisce nemmeno un posto in Europa. 3) Le squadre di Serie A che partecipano al torneo sono quasi sempre le stesse. 4) I giocatori più importanti delle squadre di Serie A non partecipano quasi mai alla Coppa Italia. 5) La Coppa Italia è spesso snobbata dalle squadre di Serie A, che la considerano una competizione di second'ordine. “Ogni anno siamo qui per sperare che la Coppa Italia cambi formato, perché così com'è è una competizione abbastanza insipida. I motivi sono almeno cinque: 1) La formula del torneo, con squadre di Serie A che si scontrano solo nei quarti e nelle semifinali, rende la competizione noiosa. 2) Il v
In Italia ci sono state alcune partite di Coppa Italia finite ai supplementari o addirittura ai rigori nonostante tutto, con vittorie in trasferta, ma poi? Anche in questo caso, nel freddo di gennaio, con le giornate più corte che in primavera, la festa può durare poco o niente. All'estero ovviamente non è così, ma siamo anche stanchi di dirlo. L'Italia è un tale peso che, se possibile, non lo giocherebbe. C'è chi deve salvarsi, chi cerca un posto in Champions League, chi lotta per lo scudetto.
In conclusione, la Coppa Italia non interessa a nessuno se non ai giocatori che non giocano mai, e ai tifosi delle squadre che non arrivalo mai in fondo.
In Italia, invece, la situazione è diversa. La Serie A, infatti, è composta da 20 squadre, e quindi il sorteggio dei quarti di finale avviene tra le prime quattro classificate e le seconde quattro classificate. Le altre coppe nazionali sono composte da un minor numero di squadre, quindi il sorteggio avviene tra le prime due. Ciò significa che le squadre di Serie A hanno più possibilità di incontrare una big in casa, o una rivale dello stesso livello, per sperare di andare avanti. In Italia, le squadre di Serie A hanno più possibilità di incontrare un big in casa, o un rivale dello stesso livello, per sperare di andare avanti.
Italiane e internazionali sono qui. Il torneo europeo che spetta a chi vince la Coppa Italia è la Conference League, un altro di quei tornei che allenatori e giocatori vorrebbero evitare, soprattutto per via delle lunghissime trasferte alla periferia del Continente. La Bulgaria il giovedì sera, magari tra novembre e dicembre, è molto anni Ottanta e Novanta, ma diciamo che si può passare una serata infrasettimanale migliore, quindi diciamo che la Conference League è una Coppa Italia allargata. Disegna tu stesso le conseguenze.

Aggiornato il 19 Gennaio 2022 da amministratore