TOP 5 Statistiche più inutili della 22a giornata di Serie A

Giuseppe Pastore Che giornata, che fatti reali, che statistiche inutili! Prima di tutto, lo scorso dicembre, vi abbiamo parlato del record casalingo dell'Inter contro la Salernitana, l'unica squadra di Serie A che non ha segnato in casa: ha poi segnato 5 gol e segnato 67 gol. La squadra ha concluso un pareggio con 67 squadre. e Roma).

Sempre all'Areci, la Lazio ne ha 66 su 66: fino a due settimane fa i Campani di Claudio Lotito erano gli unici Eagles a non aprire le ali. 66 invece di 67 per mancanza di ricorso - temiamo che manchi ancora a lungo - Pistoye, che ha giocato l'unico titolo di Serie A nel 1980-81, e la Lazio per via del campionato, sono retrocesse in Serie B. Scommesse sul calcio.

Allora godetevi il gol di Enrico Villa a Pistoia il 28 novembre 1982, sempre in Serie B - pensate, il figlio Manuel ha caricato il video su Youtube. Quindici stagioni di gloria tra Serie A e Serie B, tante soddisfazioni - come la terza classifica rigori parate di tutti i tempi - ma anche una grande preoccupazione: An Deria Consigli, che non ha mai giocato in Nazionale, è un Affidabile n.1 per Atalanta e Sassuolo in 424 partite nella massima serie.

Quest'ultimo dato da solo vale l'incredibile record stabilito in occasione di Sassuolo-Verona: il comitato è il giocatore con più presenze in Serie A da domenica, e non ha mai giocato una sola partita in Nazionale. record per una settimana con Paolo Cannavaro (azzurro, molto meno fortunato del fratello). Consilio, infatti, convocato dal tecnico Prandelli per l'amichevole contro l'Inghilterra nell'agosto 2012, è rimasto in panchina, all'ombra di boss Sirigu, durante il loro memorabile esordio d'esordio.

La notte è stata tra campioni della Nazionale come Federico Peluso , Ezequiel Sherotto e Diego Fabrini. Francisco Antonioli, che ha collezionato 418 presenze in Serie A (0, ma è stato secondo portiere in Europa League 2000), è nella top 5, con l'ex attaccante di Inter e Torino anni '50 Gino Amano (401) e l'ex portiere di Atalanta e Samp Fabrizio Ferron ( 396) Sabato pomeriggio, come in una struggente canzone di Claudio Baglioni (da cui il nome), i passeri sono spariti: Ender Lie Shevchenko accoglie la Serie A dopo aver segnato tre punti nelle nove partite di campionato del Genoa, il che significa una media di 0,33 punti a partita, che non è certo un onore. Ma non è bastato questo per portarlo sul podio dei peggiori tecnici degli ultimi 30 anni, che hanno rinunciato almeno cinque volte all'incarico di allenatore.

Flop 3 è in realtà composto da Lello Sciannimanico (Bari 2000-01), che ha un punto in sei partite, 0,17 a partita; Angelo Adamo Gregucci (Lecce 2005-06 e Atalanta 2009-10), che ha un punto in nove partite , 0.11; L'impareggiabile Daniel Passarella, che ha segnato zero punti in cinque partite con il Parma nella stagione 2001-02. Il video qui sotto si riferisce alla sua sconfitta più recente, una sconfitta per 4-1 ad Atlanta: Ciao, esci di qui.

Naturalmente, non è che il successore di Shevchenko abbia fatto meglio. Lungi dall'essere: il primo e l'ultimo (attualmente) gioco di allenatore di Abdoulaye Konko proviene da Horror History. L'8 febbraio 1998, nel 6-0 Udinese-Lecce, Angelo Pereini esordisce in panchina di Serie A con un 6-0, tra Bierhoff e Paul Powell, subendo Ji.

Risale al 10 dicembre 1995 l'esordio per infortunio di Eugenio Faciti dalla panchina del Bari, nella sconfitta per 7-1 a Cremona. In entrambi i casi, però, si tratta di allenatori che non hanno esordito in Serie A, a differenza di Conco: quindi stiamo cercando di stabilire un record assoluto, anche migliore dello 0-5 dell'esordio di Zola il 6 gennaio 2015 Peggio. Panchina del Cagliari? In caso contrario, faccelo sapere! Primo 6-0 della Fiorentina in Serie A tra le mura del vilipeso Artemio Franchi: la Viola risponde al precedente di Commisso con una vittoria storica, l'11 gennaio 1959 6-0 a Torino l'11 gennaio, con le doppiette di Kurt Hamlin e Miguel Montori e gol di Lojacono e Chiapella.

Fuori dalla finestra capitan Biraghi, autore di una doppietta su punizioni dirette: impresa simile non poteva fare un viola, con due tiri in partita al portiere barbuto Paolo Conte. Il primo periodo della partita, Fiorentina-Roma (3-1) del 5 aprile 1980, con due marcatori diversi, l'ultima volta che la Fiorentina ha segnato due punizioni nella stessa partita è stato il 9 marzo 1997, 3-2 contro il Bologna sotto le perle di Batistuta e Robbiatti. L'unico che non ha potuto festeggiare troppo è stato Dusan Vlahovic, troppo arrogante per vedere svanire il record assoluto di David Suazo (14 dei suoi 14 tiri in Serie A) a un passo dal traguardo Haruka, il numero dei falliti tentativi 13.

Nella prima e unica occasione, quasi tre decenni dopo, un calciatore ceco portò a casa un pallone di Serie A. E' successo ad Anthony Ballack, della Boemia centrale città di Przybram di 34.000 abitanti, che ha segnato tre gol con il Sassuolo.

Inoltre, un 2-4 gol in trasferta ha impedito il 2-3 in casa del Bent Gordi nella prima giornata: così l'unica partita nella storia della Serie A a finire 2-3 è stata l'andata della stagione 1979-80 ancora It's Juventus- Ascoli, ma torniamo a cechi e cecoslovacchi dalla tripletta. Tuttavia, il 19 gennaio 1992 Tomas Skuhravy di Přerov nad Labem riuscì,A un'ora di macchina da Příbram: Skuhravy, artigliere del Genoa di Osvaldo Bagnoli, era ancora cecoslovacco al momento dell'incidente (il Paese è diviso da capodanno 1993). In gol: Ovviamente Marek Hamsik, che ha conquistato il pallone al termine della partita 1-7 Bologna-Napoli del 4 febbraio 2017.

Serie A, Inter senza gol: non succedeva dal 23 gennaio 2021 (Udinese - Inter 0-0, partita famosa anche per le proteste di Conte, partita che si conclude con una rabbia contro l'arbitro: "Sei sempre tu, Maresca! "). Questo record è detenuto dalla Juventus, che vanta due delle sue migliori vittorie consecutive: 43 partite consecutive dal 2013 al 2014 (allenatore Conte) e 44 partite consecutive dal 2016 al 2017 (allenatore Allegri). Le statistiche diventano interessanti se si tiene conto che il portiere che ha fermato l'Inter a Udine nel 2021 è anche l'argentino Musso.

Il nome di Musso compare infatti tre volte negli ultimi sei portieri contro l'Inter in Serie A, insieme a Terraciano (Fiorentina), Szczesny (Juventus) e Mirante (Roma). Il Black Monday del Milan ha visto lo Spezia beffato in casa per 96 minuti dopo che l'arbitro Serra aveva commesso un errore clamoroso tre minuti prima. Tuttavia, era già chiaro alla fine del primo tempo che non sarebbe stata una serata facile, quando Theo Hernandez ha travolto Providel di Rafael Leao (Provedel) ha causato un rigore molto grave.

Ecco la domanda: chi è stato l'ultimo capitano del Milan a sbagliare un rigore in Serie A? Bisogna risalire all'inverno di trent'anni fa quando lui, il Mahatma Caesar Franz, insomma Franco Baresi giocava male contro l'Ascoli (anche se il Milan aveva vinto 4-1), il suo rigore era indecente. A gennaio, al nord, contro la Juventus: quella citazione del travolgente Theo sarebbe un'offerta molto raffinata? No, vero? - Giuseppe Pastore (@gippu1)

Aggiornato il 18 Gennaio 2022 da amministratore